torna indietro
2017
 

Fattoria Vittadini

 
Prosegue nel 2017 il progetto CID Cantieri, rivolto alla valorizzazione di artisti emergenti italiani a cui vengono offerti residenze produttive, sostegno economico e confronto con il pubblico nell’ambito di Oriente Occidente.
Uno dei quattro lavori selezionati è il progetto che nasce dall'incontro artistico tra la coreografa e performer Francesca Penzo (Fattoria Vittadini), l'artista new media Jacques- André Dupont e il sound designer Clemént Destéphen dal titolo Vanitas.
La compagnia in residenza al CID ad aprile e a luglio 2017 sviluppa un lavoro volto all'interpretazione della Vanitas seicentesca, il memento mori. Ricordarsi di dover morire: assunto macabro che è ammonimento all’effimera condizione dell’esistenza. “ Ci sentiamo investiti – spiegano Penzo e Dupont – da un senso di distruzione massivo ed imminente che ci motiva a reinterpretare il senso della caducità umana”. Vanitas è questo: un’esplorazione visiva e performativa del tema della morte come condizione ecologica della vita. Una ritualità del morire analizzata sotto nuova luce, in senso antimacabro grazie a una visione circolare di energia che non si interrompe. Non si interrompe nei corpi delle danzatrici che attraverseranno stati di intensa fisicità, non si interrompe nel processo di videomapping live, non si interrompe nell’avvolgente colonna sonora.


prima assoluta
coproduzione del Festival


Concept
Francesca Penzo e Jacques-André Dupont
Coreografia Francesca Penzo
Media Jacques-André Dupont
Suoni Clément Destéphen
Scene e costumi Gabriella Stangolini
Luci Giulia Pastore
Danzatori Vilma Trevisan, Jacques-André Dupont, Francesca Penzo
Coprodotto e sostenuto da Festival Oriente Occidente, Fattoria Vittadini, DID Studio Milano, Leggere Stutture Rete
Habitat Bologna
In collaborazione con Centro Servizi Culturali Santa Chiara