torna indietro
2016
 

Compagnia Nervitesi

 
Assieme ad altri tre promettenti autori italiani: il friulano Tommaso Serratore, il pugliese Davide Valrosso ed il siciliano Salvo Lombardo, la sarda Carla Rizzu direttrice della compagnia Nervitesi è stata selezionata nel 2016, nell'ambito del progetto CID Cantieri, rivolto alla valorizzazione di artisti emergenti italiani a cui vengono offerti residenze produttive, sostegno economico e confronto con il pubblico nell’ambito di Oriente Occidente.

Nel periodo di residenza trascorso al CID ad agosto Carla Rizzu ha sviluppato e concluso il suo nuovo progetto intitolato L’ultima madre una figura arcaica e leggendaria della sua terra: l’accabadora, ovvero tra sardo e catalano ‘colei che porta a termine’. Quella donna che carica di pietas si reca in piena notte a dare l’ultimo saluto ad anziani e infermi, colei che risponde portando conforto all’ultima parola degli altri.
Lo spettacolo presentato all'Auditorium Melotti durante l'edizione 2016 del Festival Oriente Occidente,  interamente al femminile, incontra “una Sardegna antica” spiega Rizzu “ma non troppo, dove le cose faticano a essere chiare, dove gli occhi degli altri sono aghi che giudicano e forano l’anima”.


Ideazione, regia e coreografia Carla Rizzu
Luci
Carla Rizzu
Musiche originali
Christian Ravaglioli
Danzatori Eva Campanaro, Enrica Linlaud, Laura Lucchi, Linda Ricci, Carla Rizzu
Prodotto da
Compagnia Nervitesi
Coprodotto da
Festival Oriente Occidente