torna indietro
2014
 

Compagnia Balletto Civile

 
Gruppo nomade per definizione, animato da una forte tensione etica - come del resto il nome scelto sottolinea - Balletto Civile nasce nel 2003 per volontà della coreografa e danzatrice ligure Michela Lucenti. Con Maurizio Camilli, da diversi anni interprete e anima drammaturgica del gruppo, Lucenti tiene saldo il principio che il senso artistico non possa mai essere disgiunto dalla necessità di danzare attraverso la ricerca di situazioni che provino a fare crescere gli interpreti anche in quanto uomini e donne.

Per Oriente Occidente Balletto Civile ha pensato a un nuovo progetto che segna anche un ritorno al passato nella rinnovata collaborazione con il drammaturgo Alessandro Berti, con cui Lucenti fondò lo storico gruppo L’Impasto negli anni ‘90. Insieme daranno vita a uno spettacolo che si confronta con la storia e con l’eredità da essa lasciata, interrogandosi sul cosa significhi ‘andarci dentro’.

In-erme il titolo scelto, dove “in” è prefisso di diverse interpretazioni del tempo e del nostro rapporto con esso. Inarrestabile, Inalterabile, Inenarrabile il fluire dell’esistenza. E Inermi, Inetti, Inutili ci sentiamo se guardiamo alla storia “dal nostro rassicurante divano”. Dall’inettitudine e da una più complessa riflessione sulla stupidità, nell’accezione d’incapacità e carenza nasce il ciclo di lavori che porterà Lucenti ad orchestrare grandi masse di attori, musicisti, cantanti e danzatori nei prossimi anni tra l’Italia e la Germania.
Debutto assoluto a Oriente Occidente con la prima tappa intitolata ln-erme, lavoro in cui passato e contemporaneità si incontrano, dove il monito della statua del milite ignoto (che troneggia in ogni città della penisola) e il sentimento d’impotenza di oggi si fondono. Alla stregua dell’ambiente musicale, nutrito di melodie evocative prodotte live dalla violoncellista Julia Kent (nel suo curriculum anche la colonna sonora di This Must Be the Place del premio Oscar Paolo Sorrentino) su cui si innestano gli arcaici e poderosi canti liturgici dei Cantori da Verméi.

Per finalizzare il loro lavoro la Compagnia a trascorso alcuni giorni di residenza presso il CID nel periodo settembre 2014.

 Ideazione Alessandro Berti, Maurizio Camilli , Michela Lucenti
Regia e coreografia Michela Lucenti
Drammaturgia Alessandro Berti
Luci Stefano Mazzanti
Musiche Julia Kent, Cantori da Verméi
Drammaturgia del suono Maurizio Camilli, Gianluca Pezzino, Tiziano Scali,
Bozzetti Marzia Paparini
Costumi Chiara Defant, Marzia Paparini
Sartoria Laboratorio Chiara Defant
Musicisti Julia Kent, Cantori da Verméi (Daniele Bertolini, Danilo Bertolini, Virginio Callegari, Ernesto Daldoss, Alberto Delpero, Mirko Dezulian, Matteo Giovannini, Andrea Longhi, Marco Slanzi)
Assistente alla messa in scena Sara Ippolito
Creato e interpretato da Alessandro Berti, Maurizio Camilli, Ambra Chiarello, Massimiliano Frascà, Francesco Gabrielli, Michela Lucenti, Alessandro Pallecchi, Gianluca Pezzino, Emanuela Serra, Giulia Spattini, Isacco Venturini
Coprodotto da Festival Oriente Occidente, Fondazione Teatro Due, Centro Giovanile Dialma Ruggiero (La Spezia)
Con il sostegno di MIBAC Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo